Qui sotto trovi i racconti più recenti pronti da srotolare... Se ti va di saltare di palo in frasca qui a lato c'è l'archivio racconti. Iscriviti alla newsletter e fai un salto anche su "Pensa se avrei studiato!!!" (il disegno del banner con il gatto blu è di Tsu-mina)

venerdì 6 marzo 2015

LA ICS ROSSA (di Giuseppe Gatto)

LA ICS ROSSA
(di Giuseppe Gatto)



“Bella Mollè, com’è?”
“Bella fra’, tutt’a posto, a te come va?”
“Semo stati cò la mi regazza a Venezia, tu vedessi che spettacolo. Troppo bella!”
Eh, … magari se il Venezia torna in serie A ce posso anna’ in trasferta!”
 “Ammàzza quanto sei ‘gnorànte!”

Il Molletta ha trent’anni e non si perde una partita della Roma da quando ne aveva dodici. La Maggica, come la chiama lui ce l’ha conficcata nella testa. Fa l’agente di commercio per una grande ditta di abbigliamento, un ragazzo semplice, romano de Roma. Da generazioni. Alto, magro, con un sorriso allegro perennemente stampato in faccia, una risata rumorosa e coinvolgente e capelli ingovernabili che gli incorniciano il volto.
E ora sta raccontando, ridendo e gesticolando, la sua ultima mandrakata al suo amico al bar:

Ma o sai che m’è successo sabato?” dice assumendo un’espressione e un tono da agente segreto “So ìto allo stadio ce stava Roma - Genoa, de solito, o sai, arìvo sempre prima, invece al lavoro ho perso ‘nsacco de tempo, poi sto cazzo de traffico, insomma so’ arivàto tutto de corsa che la partita stava ppè inizià”

L’amico non si perde una parola con gli occhi attentissimi. E lui continua:

“Arìvo al tornello e già si sentivano i boati del pubblico da dentro. Stavo a rosicà na cifra! Metto l’abbonamento nella fessura: la ICS ROSSA!”
“Eh?! La ICS che?”
Ma si, ce stà lo schermetto, come ‘n televisorino, con i led: pallino verde vai, ics rossa fermo, nun passi, tornello bloccato! Me comincia a salì ‘r sangue ar cervello, tolgo e infilo la scheda dell’abbonamento due, tre volte, sempre quella cazzo de ics rossa!” alza il tono della voce “Guardo la mano. Nun so’ annàto a prènde l’abbonamento dell’artr’anno?!? Volevo morì!”
“Mortacci tua!”
Molletta continua, sottolineando la drammaticità di alcuni passaggi con il tono della voce e gesticolando come un matto: “Oh, da dentro i boati se sentivano sempre più forti! Me so precipitato fuori ppè compra ‘nbijètto ma gnènte, nun c’era manco ‘n bagarino. Torno indietro m’attacco al tornello come ‘n polipo allo scoglio, come ‘na scamorza ‘n padella, me ce sò squajàto sopra, sventolavo l’abbonamento e ho cominciato a gridà: – ve prego fateme entrà! Ve prego, ho sbajàto abbonamento, ho preso quello dell’anno scorso, sò abbonato, sò abbonatissimo, v’o giuro!!! – Se avvicina uno della sicurezza, me pija l’abbonamento e va a parlà con un responsabile, torna da me e me fa entrà. ME FA’ ENTRA’ hai capito? Forse pure perché stavo ancora ‘n giacca e cravatta e parevo 'na persona seria! Me lo so abbracciato forte, jè l’ho detto: – grazie, grazie, m’hai sarvato la vita, te vojo bene! – E so’ scappato a vedè la partita.”

L’amico e la sua ragazza lo guardano ammirati e continuano a ridere

“Ahò, te dico 'n partitone: uno a zero per noi, due a zero, poi due a uno e due a due, … hai capito? Hanno rimontato du’ gol quèi fiji de ‘na mignotta! E finalmente il tre a due d’a’ vittoria, … àmo vinto, ma che smartìta! Pensa si nun ero entrato!”

“Doppia smartita! Pè entrà e pè la partita” sottolinea l’amico

“Anfatti”
poi fa una pausa, pensieroso e quindi aggiunge
O sai che te dico? Io l’anno prossimo l’abbonamento nun lo faccio. Rifaccio uguale, tutte ‘e domeniche! Jè faccio vedè quello de quest’anno e rifaccio ‘a sceneggiata. pàra pàra! … Solo me toccherà cambià ingresso ogni volta.”

E’ andata proprio così.
Me l’ha raccontato er Molletta in persona.

Nessun commento: